Donna affetta dai sintomi della rinite allergica, come il raffreddore allergico I sintomi

La rinite allergica stagionale e i sintomi

La rinite allergica stagionale e i sintomi

La rinite allergica stagionale, conosciuta anche come “raffreddore da fieno”, è un problema respiratorio molto comune. Colpisce tra il 10% e il 25% della popolazione e appare tuttora in crescita.

Il significato della parola allergia è "reazione alterata”: una risposta inappropriata dei meccanismi di difesa dell'organismo a sostanze generalmente inoffensive, normalmente presenti nell'ambiente, gli allergeni. 

Nel caso della rinite allergica stagionale, gli allergeni responsabili sono i pollini rilasciati da diversi tipi di piante. 

È detta “stagionale” perché si manifesta in primavera o in estate, indicativamente tra marzo e settembre, quando avviene la fioritura e la concentrazione dei pollini nell’aria raggiunge il picco massimo.

Essendo i pollini sostanze disperse nell’aria leggere e di piccole dimensioni, non solo penetrano nel naso e nelle vie respiratorie ma si depositano anche nella congiuntiva oculare. I disturbi della rinite allergica stagionale si manifestano quindi prevalentemente a livello del naso (il cosiddetto “raffreddore allergico o rinite allergica”) e a livello degli occhi (la cosiddetta “congiuntivite allergica”). Tuttavia, non è infrequente una sintomatologia multipla, con disturbi conseguenti e correlati, come a esempio asma e disturbi del sonno. 

LA RINITE ALLERGICA

La rinite allergica presenta sintomi come congestione (naso chiuso), prurito, naso che cola e starnuti. La reazione allergica causa infatti una risposta dell’organismo: le mucose del naso si gonfiano ostacolando il normale passaggio dell’aria. Il corpo tenta di rimuovere l’allergene tramite gli starnuti. 

LA CONGIUNTIVITE ALLERGICA

I disturbi dell'allergia che si presentano a livello degli occhi interessano la congiuntiva, una membrana che riveste la parte interna della palpebra. La sua funzione è proteggere l’occhio e facilitare lo scorrimento delle palpebre durante la fase di ammiccamento.

Le patologie infiammatorie a carico della congiuntiva sono definite col termine generico di congiuntivite. Quando questa infiammazione è causata da un allergene, come nel caso di un polline, si parla di congiuntivite allergica. I sintomi più comuni della congiuntivite sono: arrossamento oculare, sensazione di gonfiore o secchezza, sensazione di occhi appiccicosi, lacrimazione, difficoltà di apertura delle palpebre al risveglio e fotofobia.

Poiché il contatto con l’allergene è necessario affinché si sviluppi questa sintomatologia, i portatori di lenti a contatto dovrebbero porre particolari attenzione alla pulizia delle proprie lenti: è facile infatti che vi si depositi del polline.


Soffione, un fiore che influisce sulla rinite allergica